neurodiem-image

Quale ruolo per gli algoritmi ematologici nella pratica clinica?

I rapidi progressi compiuti nella ricerca sui biomarcatori ematici, compreso il loro utilizzo in algoritmi diagnostici, sono destinati a rivoluzionare la diagnosi nella pratica clinica, secondo il Professor Oskar Hansson, presente alla Conferenza internazionale dell’Associazione Alzheimer (Alzheimer’s Association International Conference, AAIC) 2021.

Il Prof. Hansson, professore di neurologia presso l’Unità di ricerca clinica sulla memoria e nella facoltà di medicina dell’Università di Lund, Svezia, ha presentato una panoramica dei risultati emersi dall’utilizzo dei biomarcatori ematici, come p-tau181 e p-tau217.