L’effetto neve è collegato alla disritmia talamocorticale

Secondo alcuni ricercatori, i nuovi risultati ottenuti da uno studio di magnetoencefalografia (MEG) supportano l’ipotesi che l’effetto neve sia associato a una disritmia talamocorticale.