Le consultazioni via video mostrano effetti protettivi nelle persone affette da demenza e nei loro caregiver

Uno studio di 4 settimane ha dimostrato i benefici delle consultazioni di telemedicina via video rispetto alle telefonate, sia per le persone affette da demenza che per i loro caregiver.

In occasione dell’AAIC [Alzheimer’s Association International Conference (Conferenza internazionale dell’Associazione Alzheimer)] 2021, il Professor Frank Lai dell’Università politecnica di Hong Kong (Hong Kong Polytechnic University), Cina, ha presentato i risultati sull’impatto protettivo della telemedicina via video durante la pandemia di COVID-19 [CoronaVirus Disease-2019 (malattia da coronavirus 2019)].

Per indagare se la telemedicina via videoconferenza, utilizzando le app mobili comunemente disponibili, possa ridurre al minimo i possibili effetti negativi delle misure di distanziamento sociale in atto durante la pandemia, il Prof. Lai e colleghi hanno condotto uno studio di 4 settimane.