Tempo alla diagnostica per immagini, stato collaterale ed esito funzionale nei pazienti colpiti da ictus ischemico

Concetti da ricordare

  • Nelle prime 6,5 ore di ictus ischemico, lo stato collaterale non è influenzato dal tempo alla diagnostica per immagini. Uno stato collaterale migliore e un tempo più breve alla ricanalizzazione sono fattori predittivi indipendenti di un esito funzionale migliore.

Perché è importante

  • Il flusso sanguigno collaterale è essenziale per sostenere la vitalità tissutale nei pazienti con ictus ischemico acuto causato dall’occlusione di un’arteria intracranica. Nelle prime ore dopo l’ictus, vi è una sostanziale variabilità interindividuale nello stato collaterale alla diagnostica per immagini neurologica.

  • Nei pazienti sottoposti a trattamento endovascolare (Endovascular Treatment, EVT), il tempo al trattamento e lo stato collaterale sono fattori prognostici importanti e possono essere correlati.