Applicazione di una versione con realtà virtuale immersiva del Test di ricerca-azione delle braccia tra soggetti colpiti da ictus

Concetti da ricordare

  • La versione con realtà virtuale (VR) immersiva del Test di ricerca-azione delle braccia (Action Research Arm Test, ARAT) può essere utilizzata per valutare da remoto l’attività degli arti superiori tra i soggetti colpiti da ictus garantendo una maggiore frequenza delle valutazioni.

Perché è importante

  • La funzione degli arti superiori è comunemente interessata dopo un ictus e circa l’80% dei soggetti presenta compromissione motoria e limitazioni dell’attività.  

  • L’ARAT è attualmente utilizzato nella pratica clinica per valutare la gravità di queste compromissioni e predire il recupero individuale.

  • Lo sviluppo di una versione VR di questo test offrirebbe la possibilità di sviluppare misure quantitative e oggettive che potrebbero essere utilizzate autonomamente e gestite senza la necessità della presenza del medico.