Differenze di genere nelle prime due settimane di riabilitazione per ictus

Concetti da ricordare

  • Potrebbero esserci differenze nel recupero precoce dall’ictus tra uomini e donne, in base alle prestazioni nelle attività della vita quotidiana secondo l’indice Barthel-100. La personalizzazione delle cure post-ictus in base al sesso può aiutare a migliorare gli esiti della riabilitazione.

Perché è importante

  • L’ictus è responsabile di un carico significativo di malattia e disabilità, con 13,7 milioni di nuovi casi di ictus, 80,1 milioni di sopravvissuti a un ictus in vita e 116,4 milioni di anni di vita corretti per la disabilità a causa di ictus in tutto il mondo nel 2016, secondo lo studio Global Burden of Disease.

  • Esistono evidenze che suggeriscono differenze clinicamente significative nell’incidenza di ictus, nei fattori di rischio, nella gravità, negli esiti e nella mortalità tra pazienti di sesso maschile e femminile.

  • La ricerca ha anche suggerito differenze sessuali nella riabilitazione dell’ictus, con una tendenza a esiti migliori di riabilitazione nei pazienti di sesso maschile dopo da 8 settimane a 12 mesi dopo l’ictus. Tuttavia, sono state condotte poche ricerche sul recupero dall’ictus entro le prime 2 settimane post-ictus e sulla possibilità che la cura precoce dell’ictus possa essere meglio adattata al sesso del paziente.