Nuovi biomarcatori differenziano rapidamente i disturbi neurologici

Ricercatori svizzeri hanno dimostrato che i biomarcatori nel liquido cerebrospinale (LCS) possono aiutare a differenziare rapidamente la sclerosi multipla (SM) da altri disturbi neurologici nella fase acuta.

Secondo il Dott. David Leppert dell’Università di Basilea (Universität Basel), Svizzera, spesso è difficile differenziare tra le fasi acute del disturbo dello spettro della neuromielite ottica (NeuroMyelitis Optica Spectrum Disorder, NMOSD), la malattia associata agli anticorpi anti-glicoproteina oligodendrocitaria mielinica (Myelin Oligodendrocyte Glycoprotein [MOG] Antibody-associated Disease, MOGAD) e la SM recidivante/remittente (SMRR).