I nuovi dati mostrano come le unità ictus mobili (MSU) possano aiutare a ridurre la disabilità

I nuovi risultati presentati all’ISC 2021 mostrano che l’uso di unità ictus mobili (Mobile Stroke Unit, MSU) per una gestione più rapida dell’ictus porta a una riduzione della disabilità misurata a 90 giorni dall’insorgenza dell’ictus rispetto alla gestione standard (Standard Management, SM) fornita dai servizi medici di emergenza (Emergency Medical Service, EMS).

Il Dott. James Grotta e colleghi del Centro medico del Texas (Texas Medical Center) dell’Università del Texas (University of Texas), a Houston, Stati Uniti, hanno confrontato i benefici delle MSU e rispetto alla SM nei pazienti idonei alla somministrazione di attivatore tissutale del plasminogeno (Tissue Plasminogen Activator, tPA) da parte di un neurologo vascolare.