neurodiem-image

Anticorpi monoclonali mirati alla beta amiloide: all’avanguardia

È stato dimostrato che gli anticorpi monoclonali diretti contro la beta amiloide riducono le placche amiloidi nei pazienti affetti da malattia di Alzheimer (Alzheimer’s Disease, AD), ma rimangono diversi interrogativi sugli effetti clinici di questi agenti.

Il razionale per mirare agli aggregati di beta amiloide si basa su studi genetici, ha affermato il Dott. Roger Nitsch dell’Università di Zurigo, Svizzera, in una sessione plenaria della Conferenza internazionale dell’Associazione per l’Alzheimer (Alzheimer’s Association International Conference [AAIC]) 2021. Alcune mutazioni che promuovono l’aggregazione di beta amiloide sono state collegate alla patologia dell’AD, mentre altre che inibiscono l’aggregazione sembrano avere un effetto protettivo contro l’AD.