Modelli di risonanza magnetica per predire il rischio di epilessia post-traumatica

Concetti da ricordare

  • Un modello di ratto suggerisce che l’imaging a risonanza magnetica (RM) potrebbe essere utilizzato per identificare i soggetti a maggior rischio di epilessia post-traumatica (Post-Traumatic Epilepsy, PTE) in seguito a trauma cranico (Traumatic Brain Injury, TBI).

Perché è importante

  • Non vi sono trattamenti disponibili per soggetti con TBI che potrebbero essere a rischio di PTE, probabilmente a causa della mancanza di biomarcatori per la PTE, il che significa che i soggetti a rischio non possono essere oggetto di trattamento nelle sperimentazioni cliniche.

  • L’uso della RM per identificare i pattern delle lesioni e la progressione in seguito a TBI potrebbe aiutare a identificare i soggetti a rischio e quindi facilitare lo sviluppo del trattamento.