Compromissione cognitiva a lungo termine predetta dalla connettività funzionale 6 mesi dopo un ictus

Concetti da ricordare

  • Un modello di apprendimento automatico basato sulla rete di compromissione cognitiva post-ictus può predire la compromissione cognitiva a lungo termine dopo ictus minore.

Perché è importante

    Sebbene molti soggetti colpiti da ictus manifestino una compromissione cognitiva di lunga durata, mancano predittori accurati a lungo termine della ridotta capacità cognitiva. Questi risultati suggeriscono che gli algoritmi di apprendimento automatico che cercano combinazioni di caratteristiche sono in grado di predire in modo affidabile il declino cognitivo in base ai dati clinici e di imaging. Questo modello è quindi in grado di predire con precisione il successivo declino cognitivo post-ictus e consentire interventi nei soggetti a rischio.