In quale ordine i biomarcatori diventano anomali nella FTD genetica?

Alcuni specialisti hanno riportato nuovi risultati sulla sequenza di anomalie dei biomarcatori nei portatori di mutazioni che causano demenza frontotemporale (Frontotemporal Dementia, FTD).

Hanno affermato che i risultati potrebbero aiutare a identificare i portatori con malattia prodromica o allo stadio iniziale e potrebbero anche essere utili nelle sperimentazioni cliniche che studiano il trattamento precoce.

La dott.ssa Emma van der Ende del Centro medico dell’Università Erasmus (Erasmus University Medical Center) di Rotterdam, Paesi Bassi, ha presentato i dati alla Conferenza internazionale dell’Associazione Alzheimer (Alzheimer’s Association International Conference, AAIC) 2021. Il team di ricerca ha utilizzato una modellazione discriminativa basata sugli eventi (Discriminative Event-Based Modeling, DEBM) dei dati cross-sectional dell’Iniziativa genetica per la demenza frontotemporale (Genetic Frontotemporal dementia Initiative, GENFI), una coorte internazionale, per esaminare la sequenza di anomalie dei biomarcatori nella FTD genetica presintomatica e sintomatica.