Identificazione di pazienti ad alto rischio di progressione

Ricercatori in Italia e nel Regno Unito hanno sviluppato uno strumento per identificare, nella fase iniziale della malattia, i pazienti destinati ad avere un esito clinico più grave che potrebbero beneficiare di un approccio terapeutico aggressivo.