Glioblastoma nei pazienti anziani: un sondaggio tra specialisti identifica la necessità di chiarezza sulla valutazione

Alcuni ricercatori hanno suggerito che la mancanza di una valutazione standardizzata, in aggiunta al sottotrattamento, sta contribuendo alla prognosi sfavorevole osservata nei pazienti anziani con glioblastoma.

Specialisti di centri oncologici nel Regno Unito e negli Stati Uniti hanno realizzato un sondaggio online anonimizzato rivolto ai membri della comunità della Società di neuroncologia (Society for Neuro-Oncology). Il sondaggio conteneva domande sulla valutazione di nuovi pazienti di età superiore o uguale a 70 anni con glioblastoma, il tumore maligno primario più comune negli adulti.