Valutazione delle neurotossicità a seguito della terapia CAR-T

I risultati di uno studio francese condotto nei centri di Parigi, Nantes, Lione, Montpellier e Rennes mostrano che circa il 40% dei pazienti con linfomi trattati con terapia con linfociti T modificati con il recettore chimerico dell’antigene (Chimeric Antigen Receptor-modified T-cell, CAR-T) presentano neurotossicità dopo l’infusione.