Effetto dell’approccio terapeutico sulla funzione neurocognitiva nei pazienti con glioma

Concetti da ricordare

  • I soggetti con gliomi trattati con radioterapia, chemioterapia, radio-chemioterapia combinata o “osservazione e attesa” mostrano un miglioramento del funzionamento neurocognitivo entro 2 anni dall’intervento chirurgico.

Perché è importante

  • Il funzionamento cognitivo non compromesso è essenziale per le normali attività quotidiane. I miglioramenti nei trattamenti significano che i soggetti con gliomi vivono più a lungo, ma gli effetti a medio-lungo termine del trattamento sulla funzione neurocognitiva non sono ben definiti.

  • Gli approcci terapeutici adiuvanti standard e combinati per il glioma, nonché l’“osservazione e attesa”, sembrano non avere alcun effetto dannoso sulla capacità neurocognitiva nei pazienti con glioma entro 2 anni dall’intervento chirurgico, fatto che consente ai medici di scegliere la terapia più appropriata in base alle valutazioni standard.