Uno studio genetico suggerisce che la depressione potrebbe avere un ruolo causale nell’AD

Alcuni ricercatori hanno presentato nuove informazioni sui possibili meccanismi molecolari alla base dell’associazione tra depressione e rischio di malattia di Alzheimer (Alzheimer’s Disease, AD).

Molti studi prospettici hanno indicato che la depressione aumenta il rischio di sviluppare l’AD e una recente ricerca ha identificato una correlazione genetica tra di esse. In occasione dell’AAIC [Alzheimer’s Association International Conference (Conferenza internazionale dell’Associazione Alzheimer)], la dott.ssa Nadia Harerimana della Facoltà di medicina dell’Università Emory (Emory University School of Medicine) di Atlanta, Georgia, Stati Uniti, ha riportato i risultati di una nuova analisi completa.

Si è basata sui dati dei maggiori studi di associazione a livello genomico (Genome-Wide Association Studies, GWAS) pubblicati sulla depressione e sull’AD e sui profili trascrittomici e del proteoma (rispettivamente N=580 e N=468) derivati da cervelli post-mortem di soggetti in tre studi prospettici sull’invecchiamento e sulla demenza.