Ansia, depressione e lo sviluppo della malattia di Alzheimer: qual è stato l’effetto del lockdown per COVID-19?

Concetti da ricordare

  • L’aumento dell’ansia e della depressione durante il confinamento per COVID-19 è associato a un aumento della neuroinfiammazione, specialmente nelle donne.

Perché è importante

  • Ansia e depressione sono aumentate negli ultimi anni in linea con la pandemia di COVID-19 e l’aumento del confinamento/isolamento domestico, specialmente tra le donne.

  • Gli studi indicano che potrebbe esistere una relazione reciproca tra ansia, depressione e malattia di Alzheimer (Alzheimer’s disease, AD) e un aumento dell’una, aumenta il rischio dell’altra.

  • Comprendere quale ruolo ha svolto il confinamento per COVID-19 nella salute mentale dei soggetti a rischio di declino cognitivo consentirà di comprendere ulteriormente il ruolo della neuropsichiatria e lo sviluppo dell’AD.